Quest’Italia bellissima e fragilissima

La Torre di Babele

terremoto-amatrice-estratto-vivo

La conosco talmente bene che l’ho riconosciuta subito. Il letto che trema, il lampadario impazzito. Ma sapevo pure che era un’onda di riflesso e dunque da qualche parte in Italia si stava consumando il dramma vero. Sono bastate le prime notizie per capire che la botta aveva colpito gli Appennini che proprio il giorno prima avevo attraversato. Così quest’Italia bellissima e fragilissima si ritrova a contare morti e macerie, borghi distrutti, la corsa ai soccorsi e alla solidarietà. Stessa ora dell’Aquila ma stavolta pare che non ci siano stati preavvisi: il terremoto è arrivato all’improvviso e in dieci secondi ha cambiato tutto. Perché contro la natura la lotta è impari. E non date retta a chi dice che è prevedibile: fermo restando che la terra trema sempre non è possibile sapere quando l’energia si svilupperà a tal punto da fare danni e vittime. L‘unica maniera di difendersi è la prevenzione…

View original post 177 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...