La prima volta che ho incontrato la chitarra di  Matteo D’Agostino sulla mia strada era all’Auditorium Parco della Musica. Un incanto che mi ha portato indietro di anni, a quel viaggio sull’Aurelia che mi conduceva da Roma in Spagna, lentamente, godendo del Flamenco più povero, di tanti anni fa, non certamente dello spettacolo, altrettanto meraviglioso, ma diverso,  dell’Auditorium.  Per darvi un assaggio di quello di cui parliamo potete ascoltare la sua chitarra qui.

 

Ha fatto già molti dischi Matteo, è da sempre compagno di strada di Ascanio Celestini, ha un curriculum musicale ricchissimo. Oggi però ne vuole produrre uno da solo. Il flamenco non rientra certo tra le priorità discografiche odierne. Così Matteo ha deciso di realizzare un crowdfunding per ¡Aquí Me Encuentro!”.  Vuol dire “Eccomi Qui!”. “In questo modo invece che rivolgermi a una etichetta, mi sono impegnato a incontrarmi con tutti” ci dice Matteo. “Questa raccolta significa ricervere una testimonianza concreta dalle persone che mi circondano e che credono in me, è molto più di un bravo detto su un social”.  “Inoltre, costringe me a rapportarmi con gli altri: telefonare, chiedere, ascoltare chi mi circonda, non solo freddamente, via mail o chat”. 

Il disco rispecchia questa voglia di mettere a nudo  la sensibilità di interprete e di compositore di Matteo. “È una dichiarazione di amore per la musica e per un genere musicale, il flamenco, al quale sono dedito da più di 15 anni”.
“Questo progetto musicale è il punto in cui si incontrano tutte le influenze musicali che ho assorbito e che negli anni mi hanno emozionato, prendendo la forma del flamenco, la musica con cui risuono di più attualmente. Il Cd quindi si presenta come un insieme di otto composizioni originali, una sorta di suite, basata sulle forme degli stili musicali flamenchi (palos) più conosciuti, come Bulerias, Alegrias, Tangos, Rumba, ecc… il tutto influenzato da altri generi musicali come il jazz, bossa-nova, musica classica”.
Il cuore del progetto musicale è costituito da Matteo D’Agostino alla chitarra flamenca, basso e palmas e Luca Caponi al cajon set, un insieme di percussioni a metà tra batteria tradizionale e il cajon. Alcuni brani del disco saranno arrangiati per quartetto d’archi da Roberto Boarini. Nel disco ci saranno partecipazioni straordinarie come quella del polistrumentista cubano Juan Carlos Zamora, oltre a quella del batterista e percussionista con cui D’Agostino ha
ideato il progetto, ovvero Luca Caponi.
Al momento è in corso il crowdfunding per la produzione del disco dallo spettacolo “¡Aquí Me Encuentro!”, la cui uscita è prevista per la metà del mese di marzo. Il crowdfunding è iniziato il primo Dicembre e termina il 30 Gennaio.
La presentazione del disco è prevista il 7 aprile al Teatro del Lido di Ostia alle ore 18:00

 

 

Contatti:
matteo.dagostino@email.it
www.chitarraflamenca.it
https://www.facebook.com/chitarraflamenca
https://www.instagram.com/matteo_dagostino_flamenco

Regalaci un sorriso!
0

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Resta aggiornato su storie, viaggi ed eventi... Sulla Strada